LA MEDICINA IN MODALITA’ PALLIATIVA

La medicina in modalità palliativa

20 maggio 2016

Programma

SALSOMAGGIORE TERME

Grand Hotel Regina 8.30—17.30

CONVEGNO ORGANIZZATO DA

ASSOCIAZIONE DR. BRUNO MAZZANI COOPERATIVA AURORADOMUS

AUSL DI PARMA

Patrocini concessi

Comune di Salsomaggiore

Ordine dei Medici di Parma

Ipasvi Parma

Responsabile Scientifico

Giovanni Gelmini

Comitato organizzativo

Anna Tedeschi Alessandro Gatti

Segreteria organizzativa

Centro Cure Palliative Via don Tincati,5 Fidenza (PR)

Monica Borreri 0524/534369

ccp.fidenza@auroradomus.it

PARMA

 

4 ° PARMA TAVI

CONTROVERSIE IN CARDIOLOGIA INTERVERNTISTICA STRUTTURALE

FELINO (PR) – CASTELLO DI FELINO
27-28 MAGGIO 2016

ISCRIZIONE ONLINE

La partecipazione al Corso è gratuita e a numero chiuso e comprende coffee break, lunch, kit congressuale e attestato di partecipazione. Posti disponibili: 60.

Le ammissioni saranno accolte in base alla disponibilità dei posti.

 

ISTRUZIONI PER ISCRIZIONE ONLINE

  1. Registrarsi come utenti al sito del Provider project-communication.it (click in alto a destra su INGRESSO UTENTI e poi inserire CF e email nel riquadro NUOVA REGISTRAZIONE)

compilando una anagrafica. A seguito della registrazione si riceveranno le credenziali di accesso al portale.

 

  1. Una volta nel portale, click in alto a sinistra su ISCRIZIONE AD UN NUOVO CORSO

 

Inserire nell’apposito campo la Keyword TAVI4 riportata sul programma, e premere VALIDA

 

DESTINATARI DELLA FORMAZIONE

Il corso è rivolto a professionisti sanitari appartenenti alle seguenti professioni e discipline:

MEDICO CHIRURGO (Discipline: Cardiologia, Medicina Interna, Anestesia e Rianimazione, Cardiochirurgia, Geriatria, Chirurgia Generale, Chirurgia toracica, Chirurgia vascolare,

Medicina generale (Medici di famiglia), Radiodiagnostica)

INFERMIERE; TECNICO SANITARIO DI RADIOLOGIA MEDICA; TECNICO DELLA FISIOPATOLOGIA CARDIOCIRCOLATORIA E PERFUSIONE CARDIOVASCOLARE

 

CREDITI ATTRIBUITI 10!

 

 

EVENTO “PRIMARY NURSING” REGGIO EMILIA

10 POSTI PER EVENTO “PRIMARY NURSING” DI REGGIO EMILIA
A disposizione degli iscritti al Collegio IPASVI di Parma per il Convegno “PRIMARY NURSING Un approccio relazionale focalizzato sul paziente” con la presenza di MARIE MANTHEY organizzato dalle Aziende Sanitarie Pubbliche della provincia di Reggio Emilia, 21 maggio 2016, Auditorium Centro Internazionale Loris Malaguzzi (RE).

Programma completo disponibile presso http://www.asmn.re.it/allegati/Primary%20Nursing.pdf

Il Collegio IPASVI di Parma intende finanziare la partecipazione di 10 colleghi all’evento organizzato a Reggio Emilia. Per fare questo occorre essere iscritto a uno dei tre Albi del Collegio di Parma (IP, AS, VI), essere in regola con i pagamenti della quota di iscrizione (con la sola esclusione dell’anno 2016).

È necessario compilare ed inviare il form all’indirizzo https://docs.google.com/forms/d/1VxrsfuHDm11LAnb9qlmYm9uvmdmhC1c1mT_fQF7Y8_c/viewform?c=0&w=1&usp=mail_form_link entro e non oltre il 30 aprile 2016.

Tutti i colleghi che parteciperanno saranno inseriti in un elenco in ordine di arrivo e numerati dal primo all’ultimo.
Saranno estratti i 30 nomi in modo casuale in base al generatore di numeri messo a disposizione dalla regione Emilia-Romagna (http://wwwservizi.regione.emilia-romagna.it/generatore/) con valore minimo 1, valore massimo pari al numero di partecipanti e seme generatore “2016”. I numeri così estratti saranno ordinati in ordine crescente e costituiranno la graduatoria a cui fare riferimento.
10 posti disponibili saranno occupati scorrendo l’elenco determinato in base a quanto previsto dal paragrafo precedente.

MODALITÀ DI PARTECIPAZIONE
Il costo dell’iscrizione sostenuto dal Collegio IPASVI di Parma è di 100,00 € per ogni posto. Tutte le altre spese (ad esempio viaggio, alloggio, vitto, ecc.) saranno a carico del partecipante. 
Per garantire la completa occupazione dei posti messi a disposizione, in base alla graduatoria, verrà chiesto al beneficiario di sottoscrivere un impegno formale a partecipare all’evento (da sottoscriversi di persona presso la sede del Collegio in Largo Mercantini, 13 – dal Lunedì al Giovedì, ore 9.00-13.00, 14.30-17.30 ovvero da inviarsi per PEC o raccomandata A/R unitamente ad un documento di identità) che verrà sincerato dalla presentazione, entro il giorno 31 maggio, di attestato di partecipazione all’evento. In carenza dell’attestato di partecipazione, il beneficiario si deve rendere disponibile a risarcire il Collegio IPASVI di Parma della quota di partecipazione di 100,00 € da versarsi entro e non oltre il 15 giugno 2016.

Le procedure saranno messe a disposizione sul sito del Collegio (www.ipsviparma.it) e a chi ne farà richiesta.

 

INFERMIERI PROFESSIONALI

Ai Presidenti dei Collegi Ipasvi

LORO SEDI

ASSISTENTI SANITARI

VIGILATRICI D’INFANZIA

Circolare n

. 1/2016 PEC

Prot. P-793/III.07

Data

3 febbraio 2016

Oggetto

: Corsi FAD 2016

Federazione Nazionale Collegi IPASVI

00184 Roma

Via Agostino Depretis 70

Telefono 06/46200101

Telefax 06/46200131

Cod. Fisc. 80186470581

Gentile Presidente,

nell’ambito delle attività di informazione e formazione la Federazione Nazionale IPASVI ha deciso di garantire ai propri iscritti per il 2016 l’accesso gratuito a 5 corsi di formazione a distanza di qualità dedicati alla professione.

I corsi, centrati sul modello del caso, sono disponibili sulla piattaforma FadInMed (www.fadinmed.it) e sono accreditati per infermieri, vigilatrici d’infanzia e assistenti sanitari.

A partire dal 31 gennaio 2016 e fino al 31 dicembre 2016 sono disponibili 3 nuovi corsi FAD oltre a 2 che vengono riproposti per il grande successo avuto lo scorso anno.

Nuovi corsi FAD 2016

  • 1. La sedazione terminale/palliativa: aspetti clinici ed etici (5 crediti ECM, codice ECM 149092)
  • 2. La gestione dell’incontinenza urinaria e fecale (5 crediti ECM, codice ECM 149096)
  • 3. Gestione e mobilizzazione del paziente in ospedale: problemi e soluzioni pratiche (5 crediti ECM, codice ECM 149097)

 

 

Corsi FAD riproposti per chi non li ha fatti nel 2014-2015:

  • 1. Gestione delle linee venose (12 crediti ECM, codice ECM 149088)
  • 2.

 

L’Evidence based practice nelle procedure infermieristiche (12 crediti ECM, codice ECM 149089)

 

Come accedere alla piattaforma

L’accesso ai corsi per gli iscritti all’IPASVI è semplice:

  1. 1. Compilare il modulo all’indirizzo http://www.ipasvi.it/fnomceo per essere riconosciuti come iscritti

all’Albo unico nazionale

(ai sensi dell’art.3 del DPR 7 agosto 2012 n. 137) e le cre-denziali di accesso vengono inviate all’indirizzo di posta elettronica indicato nel modulo.

  • 2. Compilare la scheda di registrazione sulla piattaforma FadInMed (se non si è già registrati).
  • 3. Si ricevono direttamente alla propria e-mail le password per entrare nel programma (N.B.: la casella di posta elettronica da utilizzare per lo svolgimento del corso deve essere ordinaria,

 

non deve essere PEC).

 

Fatto ciò si può accedere direttamente alla piattaforma, all’indirizzo http://www.fadinmed.it/.

Anche chi è già registrato alla piattaforma FadInMed negli anni precedenti deve passare dalla pagina http://www.ipasvi.it/fnomceo sul sito della Federazione per il riconoscimento relativo al 2016.

Si ricorda che per quanto riguarda i corsi riproposti questi possono essere svolti da coloro che li hanno iniziati, ma non superati nel corso del 2014/2015 e da tutti coloro che non li hanno mai fatti.

NOTA BENE: Per problemi di registrazione gli iscritti devono scrivere dal proprio indirizzo di posta ordinario (NON PEC) a ecm@ipasvi.it indicando Nome, Cognome e Codice fiscale; non è in alcun modo possibile risolvere i problemi per via telefonica o diversa dall’utilizzo della posta elettronica).

La presidente

Barbara Mangiacavalli

(ER)INFERMIERI INCONTRANO BONACCINI:LAVORIAMO…..

……………….

(ER) SANITÀ. INFERMIERI INCONTRANO BONACCINI: LAVORIAMO INSIEME
TRA I TEMI ORGANIZZAZIONE, ORARIO E RUOLO DEI PROFESSIONISTI

(DIRE) Bologna, 23 dic. – Nuovi modelli di organizzazione della
sanita’, orari di lavoro, attivita’ degli infermieri e loro
potenzialita’. Sono gli argomenti affrontati ieri dai collegi
Ipasvi della Regione Emilia-Romagna e da quello nazionale,
durante un incontro con il presidente della Regione, Stefano
Bonaccini e l’assessore alla Sanita’, Sergio Venturi, coi quali i
professionisti vogliono aprire “un dialogo franco e aperto”. Un
dialogo “per discutere la collocazione delle direzioni delle
professioni sanitarie nelle aziende in evoluzione”. I presidenti
dei collegi, a cui sono iscritti 30.000 tra infermieri,
infermieri pediatrici e assistenti sanitari, infatti, avevano
chiesto un faccia a faccia al presidente Bonaccini, anche nella
recente veste di presidente della Conferenza delle Regioni e
delle Province autonome, e all’assessore alle Politiche per la
salute. Al tavolo, c’era anche presidente della Federazione
nazionale Ipasvi, Barbara Mangiacavalli, per sottolineare
l’importanza delle scelte fatte e che si andranno a fare, a
livello socio-sanitario in Regione e che impattano in modo
importante sulla salute dei cittadini e sullo sviluppo delle
professioni sanitarie.
I rappresentanti degli infermieri, dunque, hanno parlato
dell’evoluzione dell’assistenza, con il progressivo trasferimento
di prestazioni da quella ospedaliera a quella territoriale, che,
hanno spiegato, “richiede al sistema socio-sanitario di pensare a
nuovi modelli organizzativi per continuare a offrire servizi
pubblici accessibili a tutti i cittadini”. Da parte loro, gli
infermieri offrono le loro potenzialita’ con un percorso di
sviluppo delle competenze avanzate e specialistiche che,
sottolineano, “non e’ piu’ procrastinabile”. (SEGUE)
(Asa/ Dire)
13:34 23-12-15

 

(ER) SANITÀ. INFERMIERI INCONTRANO BONACCINI: LAVORIAMO INSIEME -2-
(DIRE) Bologna, 23 dic. – Sul tavolo anche la questione della
recente normativa europea sull’orario di lavoro che, per i
professionisti, “induce un coinvolgimento degli ordini
professionali per continuare a fornire i servizi con gli elevati
criteri di qualita’ che li hanno contraddistinti sino ad oggi”,
lavorando in sicurezza e nel rispetto delle esigenze di riposo
necessarie ai professionisti.
Inoltre, per i collegi e’ fondamentale aprire un confronto
“sul ruolo strategico che l’infermiere puo’ svolgere nella rete
dei professionisti che lavorano nelle strutture, mettendo a
disposizione l’esperienza sviluppata in anni di attivita’ nelle
strutture sanitarie”.
(Asa/ Dire)
13:34 23-12-15

……………….

I COLLEGI IPASVI DELL’EMILIA ROMAGNA INCONTRANO IL PRESIDENTE E L’ASSESSORE

 

I Collegi Ipasvi dell’Emilia-Romagna incontrano il presidente e l’assessore

I Collegi Ipasvi dell'Emilia-Romagna incontrano il presidente e l'assessore

18/12/2015 – I Collegi IPASVI dell’Emilia-Romagna incontrano il Presidente della Regione Emilia Romagna Stefano Bonaccini e l’Assessore alle Politiche Sociali e Sanitarie Sergio Venturi. All’incontro parteciperà anche la Presidente della Federazione Nazionale IPASVI, Barbara Mangiacavalli

I Presidenti dei Collegi IPASVI a cui sono iscritti 30.000 professionisti sanitari, infermieri,infermieri pediatrici e assistenti sanitari che operano nella rete dei servizi sanitari della Regione Emilia-Romagna, martedì 22 Dicembre 2016 incontreranno con piacere il Presidente Stefano Bonaccini e l’Assessore alle Politiche Sanitarie e Sociali Sergio Venturi poiché le scelte effettuate, e che si andranno ad effettuare a livello socio-sanitario in Regione impattano in modo importante sulla salute dei cittadini e sullo sviluppo delle Professioni Sanitarie.

All’incontro parteciperà anche la Presidente della Federazione Nazionale IPASVI, Barbara Mangiacavalli per sottolineare l’importanza dell’incontro e della recente designazione del Presidente Bonaccini a Presidente della Conferenza delle Regioni e dell’Assessore Venturi a Coordinatore della Commissione Salute della stessa.
I Collegi IPASVI hanno la funzione istituzionale di tutela del cittadino e di garanzia della professionalità degli iscritti e sono fortemente interessati a costruire un dialogo aperto con la Regione per quello che riguarda i temi della loro formazione di base e specialistica, dell’organizzazione del lavoro nelle strutture sanitarie e socio-sanitarie e della qualità
dell’assistenza erogata a tutti i livelli di sistema.

Stampa