Articoli

Ciao Doru, ci mancherai

L’Ordine delle Professioni Infermieristiche di Parma insieme ai colleghi dell’U.O. di Malattie Infettive dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, vogliono ricordare e salutare DORU IONEL GROSU, Infermiere di Malattie Infettive, scomparso prematuramente il 23 Maggio 2020, dopo una malattia subdola e ingiusta.

Alla moglie Veronica porgiamo il ricordo di un professionista Pronto, Rispettoso, capace di grande sacrificio e dedizione al lavoro.

Dal profondo della notte che mi avvolge,
Nera come un pozzo da un polo all’altro
Ringrazio qualunque dio ci sia
Per la mia anima invincibile.
Nella stretta morsa delle circostanze
Non mi sono tirato indietro né ho gridato.
Sotto i colpi avversi della sorte
Il mio capo sanguina ma non si china.
Oltre questo luogo di rabbia e lacrime
Incombe solo l’orrore della fine.
Eppure la minaccia degli anni
Mi trova, e mi troverà, senza paura.
Non importa quanto sia stretta la porta,
Quanto impietosa la vita,
Io sono il padrone del mio destino:
Io sono il capitano della mia anima.

William Ernest Henley

Ciao Doru! Ci mancherai.

 

Concorso per Oss (e non per Infermieri!): richiesta rettifica alla Gazzetta di Parma

Si riporta di seguito la nota protocollata ed inviata all’attenzione della Gazzetta di Parma dopo le confuse notizie in merito al Concorso per Oss (e non per Infermieri) svoltosi oggi 19/06/2018 a Parma:


All’attenzione della Redazione della GAZZETTA DI PARMA

 

Oggetto:   RICHIESTA RETTIFICA NOTIZIA

 

Gentile Redazione,

a pagina 8 dell’edizione del 19 giugno 2018 vi è un articolo titolato: “Infermieri. Al Palacassa in 3500 per un posto”. Il titolo, come parte dell’articolo, è fuorviante rispetto alla notizia originale, in quanto pur menzionando un concorso per Infermieri la selezione effettivamente è rivolta agli Operatori Socio Sanitari (Oss), figura sanitaria differente; sebbene agli occhi di un lettore poco informato la cosa possa sembrare di poco conto, in realtà questa confusione è spesso generata dai mass media, che confondendo le due figure generano nel lettore ambiguità e riconoscimento delle diverse professionalità sanitarie.

Non si tratta certo di una questione di minore o maggiore importanza di una figura rispetto all’altra, ma del rispetto dei professionisti che svolgono un servizio al cittadino con competenze e responsabilità ben diverse tra di loro.

Vi chiediamo pertanto di provvedere alla rettifica di tale notizia.

Parma, lì 19 giugno 2018

Ordine delle Professioni Infermieristiche di PARMA